PROGETTI PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Giovedì 09 Febbraio 2012 11:39

ANDIAMO AL MARE

"PAPA' TI SALVO IO"

Il Progetto, svolto sulle spiagge, nelle scuole, piscine, aule consiliari, ecc., prevede l'attuazione della “Giornata della Sicurezza in mare”, in cui i bambini sono artefici e protagonisti della manifestazione stessa. Attraverso il gioco “Papà ti salvo io” i bambini impareranno nella pratica a rispettare le norme di sicurezza balneare, dell’ambiente, nonché le regole per un viaggio sicuro per andare al mare in automobile, mettendo in atto quanto appreso a Scuola.
Nella mente dei giovanissimi restano, così, a lungo le immagini spensierate del gioco associate alle norme, educando il mondo degli adulti alla loro osservanza.
Il gioco “Papà ti salvo io” è inserito all’interno di una confezione, da consegnare a ciascun bambino, predisposta dalla Società Nazionale di Salvamento – Onlus.

Essa contiene:
- n. 1 T-shirt,
- n. 1 cappellino,
- n. 1 portachiavi Foca Bibi,
- dadi e pedine,
- n. 1 scheda per il sorteggio finale del vincitore

Le fasi della Giornata della Sicurezza in mare, oltre la consegna delle confezioni predette, prevedono:
- la vestizione dei bimbi alla presenza delle Autorità locali (Sindaco, Comandante del Porto, Direttore di Sezione della Società Nazionale di Salvamento, ecc.),
- la foto ricordo,
- i servizi stampa.

Al termine dello svolgimento del gioco viene, con apposita cerimonia alla presenza delle predette Autorità, consegnato ai bambini l’attestato diploma “I am a Baby Watch”- Io sono un Piccolo Bagnino.
Segue il sorteggio, tra tutti i bimbi diplomati, per l’assegnazione del “Baby Watch d’oro” fase locale.


7. Modalità di adesione

Le Amministrazioni comunali interessate ordinano il materiale necessario: n. 100-150-200 confezioni regalo da consegnare ai bambini per la manifestazione “Giornata della Sicurezza in mare – Papà ti salvo io”.


8. Risultati attesi

- adesione e partecipazione di numerosi Comuni al progetto;
- coinvolgimento e adesione di un vasto numero di bambini e genitori;
- modificazione dei rapporti fra genitori e figli, in cui i figli responsabilizzati migliorano la sicurezza e la prevenzione balneare e la prudenza sulle strade, nonché sono portatori di educazione base di P.C.;
- consapevolezza dei bambini ad essere cittadini educati civilmente e responsabili;
- miglioramento dell’autostima da parte dei bambini e aumento della fiducia reciproca bambini/amici e Bambini/genitori;
- apprendimento da parte dei bambini della necessaria collaborazione fra i cittadini e le Autorità e acquisizione del senso dell’Istituzione.

Ultimo aggiornamento Venerdì 10 Febbraio 2012 10:35